24 Febbraio 2020

Dopo la riunione convocata da Regione Lombardia per tutti i Sindaci ecco in sintesi le decisioni prese dal Governatore della Regione Attilio Fontana e che tutti dobbiamo rispettare.

Qualche regola piacerà, altre meno.
La Regione si assume la responsabilità di queste scelte e tutti noi abbiamo il dovere di rispettarle.

REGOLE valide fino 01 MARZO salvo proroghe.

- sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico (quindi centri sportivi-palestre-circoli pensionati chiusi);

- chiusura di tutti gli asili (nidi e infanzia) e di tutte le scuole di ogni ordine e grado;

- sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura (anche le biblioteche e teatri);

- sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia all’estero;

- i bar, sale slot dovranno rimanere chiusi dalle ore 18.00 alle ore 6.00;

- i ristoranti e le pizzerie potranno rimanere aperti/e;

- le attività produttive, lavorative e negozi di vicinato potranno rimanere aperte;

- i supermercati potranno rimanere aperti;

- gli esercizi nei grandi centri commerciali saranno chiusi il sabato e la domenica ad eccezione di quelli alimentari;

- i mercati saranno sospesi per le giornate di sabato e domenica (salvo nuove disposizioni)

- gli uffici pubblici, gli ambulatori medici, banche e poste rimarranno aperti secondo normali orari;

- i CDD, CDI, SFA aperti;

- i funerali si dovranno tenere in forma privata;

- sospensione delle cerimonie religiose
(messe, attività pastorali, ecc);

- previsione dell’obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione mondiale della Sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, che provvede a comunicarlo all’autorità sanitaria competente per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;

- i trasporti pubblici funzioneranno regolarmente.

 

Si allega ordinanza